Guardare oltre: dalla compliance a politiche di acquisti sostenibili. Barometro degli acquisti sostenibili 2019

October 8, 2019 Julien Carboni

Qualche settimana fa EcoVadis, in collaborazione con lo Stern Center for Sustainable Business Development della New York University (NYU), ha pubblicato il suo studio biennale “Sustainable Purchasing Barometer 2019“. Lo studio fornisce una panoramica sull’evoluzione della sostenibilità nelle priorità di acquisto attraverso gli ultimi anni e descrive in dettaglio gli strumenti e i processi utilizzati per ottenere miglioramenti tangibili nelle prestazioni delle organizzazioni.

I risultati indicano che le organizzazioni attribuiscono maggiore importanza all’etica degli affari, alle pratiche di lavoro e ai diritti umani rispetto agli anni precedenti.

Mentre l’impegno per acquisti sostenibili è aumentato significativamente negli ultimi tre anni, la maggior parte delle aziende (81%) continua a gestire i propri programmi di approvvigionamento in ottica di compliance legale, un approccio limitato che manca di incentivi per miglioramenti a lungo termine.

Lo studio rileva che il 66% delle organizzazioni cita la conformità normativa come aspetto critico dei loro programmi di approvvigionamento sostenibile, suggerendo che le aziende non stiano sfruttando le potenzialità di un superamento di tale approccio esplorando soluzioni innovativeche potrebbero risultare in un vantaggio competitivo.

Alcuni dei principali risultati evidenziati dal Barometro sono i seguenti:

  • Il sostegno da parte del top management è notevolmente aumentato. Oggi, assicurare il supporto esecutivo è una sfida solo per il 13% degli intervistati (rispetto al 24% nel 2017 e al 50% nel 2013).
  • L’aumento della redditività è chiaramente visibile. Le aziende con programmi avanzati hanno riportato benefici in tutti gli aspetti chiave del business: riduzione del rischio (88%), risparmio sui costi (35%), innovazione (29%) e miglioramento delle metriche di acquisto (53%).
  • La sostenibilità è sempre più presente nel business. Il 34% delle organizzazioni indica che l’importanza delle pratiche in materia di lavoro e diritti umani è aumentata negli ultimi tre anni e il 33% afferma che l’etica degli affari è un fattore che ha guadagnato peso.
  • La visibilità delle prestazioni dei fornitori rimane una sfida importante. Il 45 per cento delle organizzazioni ha una visibilità solo sui fornitori di livello 1, poco meno del 25 per cento ha una visione sui fornitori di livello 2, e solo il 4 per cento ha una visione oltre il livello 3.

Tra le pratiche più comunemente utilizzate dalle organizzazioni per incoraggiare un comportamento responsabile da parte dei fornitori vi sono (i) la definizione di un codice di condotta per i fornitori, (ii) l’inclusione di termini e condizioni contrattuali che favoriscano il miglioramento delle prestazioni dei fornitori, con specifiche clausole di sostenibilità come pratica comune, e (iii) l’attuazione di una politica di acquisti sostenibili.

Messaggio principale dello studio è che è necessario che le imprese integrino sistematicamente una strategia di approvvigionamento sostenibile, facendo leva su banche dati esterne ed indicatori quantitativi in modo da superare una mentalità orientata alla conformità verso approcci innovativi.  Tale evoluzione contribuirà senza dubbio ad aumentare il loro vantaggio competitivo.

Il Barometro analizza i dati di 210 organizzazioni di acquisto di diversi settori e aree geografiche ed è integrato da un sondaggio indipendente su 399 fornitori. Inoltre, sono state condotte interviste dettagliate con partecipanti selezionati.

Per una panoramica completa delle principali tendenze dell’attuale panorama degli acquisti responsabili, scaricate il Barometro degli acquisti responsabili 2019 all’indirizzo www.ecovadis.com/barometer.

Per saperne di più sugli acquisti sostenibili, contattate jcarboni@ecovadis.com

About the Author

Julien Carboni

Julien Carboni è responsabile del mercato Italiano. Lavorando a stretto contatto con i responsabili degli acquisti e altri dirigenti di alto livello, Julien facilita l'implementazione e lo sviluppo di strategie di Acquisto Sostenibile per le aziende, valutando la loro situazione attuale e le opportunità di essere più trasparenti in termini di Sostenibilità. Julien ha lavorato sia nel settore bancario o come imprenditore. Laureato in Corporate Finance presso dell EDHEC BBA, Julien ha conseguito un master in Entrepreneruship & Innovation presso alla Skema.

More Content by Julien Carboni
Previous Article
5 fattori chiave per la scelta di una soluzione di monitoraggio RSI del fornitore
5 fattori chiave per la scelta di una soluzione di monitoraggio RSI del fornitore

Non è di certo un segreto che le catene logistiche sono sempre più esposte a rischi che possono tradursi in...

Next Article
New French law to require for companies to report on GHG emissions in their supply chains
New French law to require for companies to report on GHG emissions in their supply chains

Corporate Social Responsibility (CSR) reporting is mandatory in France for publicly listed and non-listed c...