Banche & sostenibilità: una trasformazione dall’interno lunga un decennio

January 25, 2021 IT EcoVadis IT

"Con il senno di poi, la principale difficoltà negli ultimi 10 anni è stata l'implementazione di una strategia [di sostenibilità] in 72 paesi, all'interno di realtà che hanno priorità e problematiche in contraddizione. È qui che il nostro allineamento con gli obiettivi di sviluppo sostenibile si è dimostrato potente, grazie alla sua universalità."

Intervista a Laurence Pessez, CSR Director di BNP Paribas Group

Dopo la recente firma dei Principles for Responsible Banking del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP FI) e la creazione di una posizione in azienda per promuovere la conservazione e l'uso sostenibile dell'oceano, il 2019 è stato senza dubbio un anno produttivo per l'intero team di sostenibilità del Gruppo BNP Paribas - e in particolare per il suo Direttore della CSR, Laurence Pessez, che ha ricoperto questo ruolo per 10 anni.

Come si diventa leader della sostenibilità all'interno di un'azienda CAQ40 (indice delle principali società francesi quotate) e quali sono le sue attività quotidiane?

Fin dall'inizio della mia carriera mi sono focalizzata sullo sviluppo di aree di impatto positivo, sia che si trattasse degli ospedali di Parigi, del gruppo La Poste o del settore assicurativo. Con questa determinazione ho contribuito a creare la Divisione Sostenibilità di BNP Paribas, assumendone la responsabilità nel 2010.

Sono convinta che la sostenibilità sia una sfida strategica oltre che una fonte di opportunità, e mi impegno quotidianamente affinché sia ​​affrontata a tutti i livelli della banca.

Grazie agli sforzi compiuti dai miei team, la sostenibilità è diventata una priorità per BNP Paribas, come testimoniato dalla creazione nel 2017 del dipartimento Corporate Commitment e dal recente impegno della banca nella riduzione a zero della propria esposizione al carbone termico entro il 2030 nell’Unione europea - ed entro il 2040 nel resto del mondo.

Queste iniziative supportano concretamente gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite: eliminare la povertà, proteggere il pianeta e garantire prosperità a tutti entro il 2030. Grazie alla nostra posizione nel mercato, abbiamo l'opportunità di agire su tutti i 17 obiettivi. Le grandi questioni che riguardano le generazioni future, sono sfide entusiasmanti.

Quanto è grande il team dedicato alla sostenibilità?

Gli impegni in ambito sostenibilità della banca sono assolti dalla divisione Corporate Commitment, che fa parte dell’Executive Committee del Gruppo.

La divisione sostenibilità è composta da un team di quasi 30 persone, strutturato intorno a diverse aree di competenza: gestione del rischio extra-finanziario, finanziamento a impatto positivo, relazioni con gli stakeholder di sostenibilità e promozione dei diritti umani, transizione energetica e ambientale, microfinanza e imprenditoria sociale e, infine, comunicazione e gestione del fondo di emergenza e sviluppo.

Le persone che hanno creato questa organizzazione hanno sviluppato una consapevolezza più profonda man mano che le nostre responsabilità per le questioni ambientali e sociali sono aumentate. Tutti sono esperti riconosciuti nei loro settori di specializzazione e l'intero team è ormai un riferimento in azienda.

Quali sono le pietre miliari della sostenibilità aziendale degli ultimi dieci anni?

La necessità di soddisfare le aspettative delle principali istituzioni finanziarie e banche è passata da un "nice to have" a un vero imperativo.

Prima del 2015 e della COP 21, la sostenibilità e la responsabilità sociale d'impresa (CSR) erano considerate per lo più un'iniziativa “volontaria” su cui il Gruppo BNP Paribas si era già liberamente impegnato. Ci siamo anche impegnati nella sensibilizzazione interna: lo abbiamo fatto prima nelle politiche di finanziamento e investimento nel settore della difesa e dell'olio di palma (2010), poi integrando criteri extra-finanziari nel calcolo del bonus di 5.000 manager BNP Paribas (2013).

Per la prima volta, nel piano strategico 2014-2016, BNP Paribas ha ribadito l’impegno di crescere come banca responsabile. Il 2015 ha quindi segnato una svolta, con il supporto e l’impegno della Direzione Generale su tematiche ambientali e sociali, numerosi dibattiti a livello di Comitato Esecutivo e scambi tra il nostro Amministratore Delegato e i nostri clienti. È stato anche l'anno in cui sono stati creati i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite. BNP Paribas è stata una delle prime aziende in Francia a menzionare esplicitamente gli SDG nella definizione della sua strategia di sostenibilità.

Il nostro team è supportato da un network di circa 130 professionisti della sostenibilità, che lavorano in divisioni e linee di business per facilitare l'implementazione della politica di sostenibilità in tutto il Gruppo.

Ovviamente, questo non include tutti i 202.000 dipendenti della banca, che incoraggiamo ad agire su tali questioni.

Il 2015 ha segnato anche il nostro ingresso nel Corporate Knights Global 100, uno degli indici di sostenibilità più riconosciuti a livello internazionale.

 

 

Dal 2017 e dalla creazione della divisione Corporate Commitment, le nostre azioni e il nostro impegno sono aumentati in tutte le aree.

Tra i traguardi raggiunti dalla banca, possiamo citare il raggiungimento nel 2017 della neutralità del carbonio per il nostro perimetro operativo e la pubblicazione della Responsible Commercial Relations Charter nel 2018, attraverso la quale BNP Paribas conferma la volontà di lavorare con le aziende più performanti in termini di sostenibilità. Nello stesso anno, il nostro Gruppo ha anche contribuito alla creazione dei Principles for Responsible Banking, che sono stati ufficialmente firmati nel 2019 insieme ad altre 130 banche, con l'obiettivo di allineare le strategie di business agli SDG delle Nazioni Unite e all'accordo di Parigi.

Più recentemente, la banca ha annunciato le date per l'uscita dal settore del carbone, nonché il suo ingresso nel Collective Commitment to Climate Action. Si è inoltre impegnata a finanziare la transizione ecologica delle navi della marina mercantile per un importo di 1 miliardo di euro entro il 2025.

Nel luglio del 2019 BNP Paribas è stata nominata "The World's Best Bank for Corporate Responsibility" da Euromoney, pubblicazione leader nella finanza internazionale, ed è stata nominata la migliore banca al mondo in termini di responsabilità ESG (ambientale, sociale e di governance) da Capital Finance International (CFI.co).

In conclusione, la principale difficoltà in questi 10 anni è stata l'implementazione di una strategia di sostenibilità in 72 paesi, all'interno di realtà che hanno priorità e problematiche in contraddizione. È qui che l'allineamento con gli obiettivi di sviluppo sostenibile si è dimostrato potente, grazie alla sua universalità.

Finanziando tutti i settori di attività, la banca è uno dei pochi player economici che ha il privilegio di contribuire a tutti i 17 obiettivi. Il Gruppo, infatti, ha deciso di includerli nei propri indicatori di performance di sostenibilità. Si tratta di un meccanismo innovativo che riflette il forte impegno della banca verso gli SDG, riconosciuti dalle Nazioni Unite come best practice. Alla fine del 2018, BNP Paribas ha stanziato 168 miliardi di euro di finanziamenti ai settori che si ritiene contribuissero direttamente agli SDG, e l'obiettivo è aumentare tale importo di 10 miliardi di euro all'anno.

In questo decennio, quali cambiamenti importanti hanno interessato la sua professione?

Direi che è la diversificazione degli stakeholder che ci sfida ogni giorno, una sfida quotidiana non esclusiva del settore bancario. 

Per molto tempo le grandi aziende e le divisioni CSR sono state interpellate relativamente ai rischi sociali e climatici solo da ONG e sindacati, poi dai loro investitori a lungo termine, come fondi pensione e compagnie di assicurazione. In seguito le richieste sono arrivate da clienti di tutti i settori, dagli ambienti di business ma anche dal grande pubblico.

Oggi anche i dipendenti vengono coinvolti e possono essere persino proattivi. All'interno del nostro Gruppo, la decisione nel 2017 di terminare le attività di finanziamento e investimento delle società del tabacco, ad esempio, è stata avviata e guidata dai dipendenti. 

Ancora più di recente, gli studenti e le giovani generazioni stanno prendendo iniziative su questioni sociali e ambientali (più di 30.000 i firmatari del Manifesto degli studenti per un risveglio ecologico). Infine, la sostenibilità è un argomento importante e strategico ed è sempre più regolamentata con, ad esempio, la legge sul dovere di cura delle multinazionali in Francia, il Modern Slavery Act nel Regno Unito o il lavoro della Commissione europea sulla tassonomia che mira a definire le attività che contribuiscono alla transizione energetica.

Questa è una buona notizia per tutte le divisioni di sostenibilità che possono lavorare con contatti sempre più credibili vicini alle nostre attività.

Qualche parola su EcoVadis per concludere?

Abbiamo chiesto di essere valutati da EcoVadis per la prima volta nel 2010.

La valutazione di EcoVadis ci ha permesso di misurare le nostre prestazioni come fornitori responsabili in aree quali l'ambiente, le decisioni di acquisto, le condizioni di lavoro, i diritti umani e l'etica aziendale.

A nostro avviso, questa valutazione è diventata ancora più rilevante poiché affronta questioni concrete per i nostri clienti e potenziali clienti. EcoVadis modella infatti il proprio questionario in base al cliente.

Alcune delle nostre società o linee di business molto specifiche hanno il proprio rating EcoVadis, come Arval, la nostra società di noleggio di veicoli a lungo termine, o BNP Paribas Real Estate, la nostra divisione del settore immobiliare. Nel 2019, Arval ha ottenuto un punteggio di 70/100, guadagnandosi un livello di riconoscimento "Gold".

Per BNP Paribas la piattaforma EcoVadis rappresenta un'interfaccia preziosa per i clienti e potenziali clienti. Hanno accesso ai risultati del Gruppo e delle sue entità, ai punteggi e a una dettagliata relazione sulla sua performance nei vari temi. Ad oggi, una sessantina di clienti e prospect si sono aggiunti al network EcoVadis del Gruppo (l'elenco delle aziende con cui condividiamo l'accesso al nostro profilo).

L'interfaccia consente la centralizzazione di informazioni utili ai clienti nell'ambito dei bandi di gara. Consente ai nostri team di sostenibilità e vendita di risparmiare tempo significativo e, infine, è un importante vettore di business in quanto il coinvolgimento costante di BNP Paribas nella sua valutazione annuale le consente di distinguersi come fornitore responsabile, impegnato in un approccio profondo e strutturato alla sostenibilità.

La recente raccolta di fondi per accelerare lo sviluppo internazionale della piattaforma è un'ottima notizia: i nostri bandi di gara sono internazionali e i nostri prospect principali si trovano al di fuori della Francia. EcoVadis si conferma quindi un player francese indipendente specializzato in valutazioni aziendali e di sostenibilità.

Questa intervista è stata originariamente pubblicata in francese ed è disponibile in inglese e in tedesco.

 

Informazioni sull'autore

IT EcoVadis IT

EcoVadis è l'azienda più affidabile al mondo di valutazioni di sostenibilità aziendale, intelligenza e strumenti collaborativi per il miglioramento delle prestazioni delle catene di fornitura globali. Supportate da una potente piattaforma tecnologica e da una squadra globale di esperti, le schede di sostenibilità di EcoVadis, di facile fruizione e attivazione, forniscono una visione dettagliata dei rischi ambientali, sociali ed etici di 200 categorie di acquisto e 160 paesi.

Segui su Twitter Segui su LinkedIn Visita il sito Web Altri contenuti di {{noun}}
Documento precedente
Caso di studio: Nestlé porta valore condiviso ad azionisti e stakeholder
Caso di studio: Nestlé porta valore condiviso ad azionisti e stakeholder

L'impegno di Nestlé per la sostenibilità è su larga scala e ben consolidato.

Video successivo
Perchè EcoVadis? La testimonianza diretta dei professionisti dell'approvvigionamento.
Perchè EcoVadis? La testimonianza diretta dei professionisti dell'approvvigionamento.

I responsabili dell'approvvigionamento di diverse realtà aziendali raccontano i motivi per i quali hanno sc...