Sostenibilità aziendale, il nuovo must have nella transizione verso la carbon neutrality

July 14, 2021 IT EcoVadis IT

La COP21 e l'Accordo di Parigi sul Clima hanno rappresentato una svolta significativa per la sensibilizzazione dei Governi e delle imprese nel contrastare concretamente i cambiamenti climatici. È sempre più chiaro a tutti, investitori e opinione pubblica, che la sola azione delle istituzioni non è sufficiente e che il settore privato ha un ruolo prioritario nella lotta al Climate Change e deve concentrare gli sforzi e gli investimenti in attività di riduzione delle emissioni

Le aziende private non possono quindi più rimandare l’adozione di una strategia finalizzata a perseguire la Carbon Neutrality. Si tratta di un obiettivo che non riguarda solo l’etica e la conformità, ma è anche una questione di competitività e di opportunità di business. Allineare la propria strategia di business all’ambiente significa renderla resiliente e minimizzare rischi operativi e di reputazione, per essere più attrattivi sul mercato sia nei confronti dei talenti che dei consumatori. 

Ma non solo, gli investitori fanno sempre di più pressione sulle aziende perché si impegnino a ridurre le proprie emissioni e ad attuare una strategia di mitigazione in linea con il proprio business. L’attenzione dei private equity è sempre di più rivolta agli indicatori di sostenibilità e a come un brand è percepito dall’opinione pubblica. Uno dei punti fondamentali e prioritari del "Global Warming of 1.5°C" è la necessità di decarbonizzare completamente le nostre economie e così il Climate Action è oggi un indicatore a cui va data la massima priorità e che le aziende devono avere nella loro agenda.

Con il Green Deal l’Unione Europea si sta impegnando a ridurre le proprie emissioni per almeno il 55% entro il 2030, con un obiettivo di neutralità entro il 2050. Molte aziende hanno già intrapreso un percorso virtuoso per azzerare le emissioni nei prossimi 9 anni, ma la maggior parte si concentra solo sulla punta dell’iceberg, ossia le emissioni dirette di Scope 1 e 2, trascurando i rischi nascosti nella catena di valore, cioè le emissioni di Scope 3.

È quindi fondamentale per le aziende, incluse le PMI, assicurarsi la trasparenza del loro carbon footprint, coinvolgendo i fornitori nella propria strategia, fissare obiettivi di riduzione di CO2 di tutte le parti coinvolte e monitorare costantemente i miglioramenti nella riduzione dell’emissione di carbonio. Ma la raccolta di dati sul carbonio lungo la catena di fornitura in modo accurato e affidabile continua essere una sfida complessa: una ricerca di EcoVadis mostra infatti che c'è un'enorme carenza nella rendicontazione del carbonio da parte dei fornitori e nell'azione lungo la catena di approvvigionamento. Per avviare un percorso di decarbonizzazione accurato ed efficiente, è necessario fare affidamento su soluzioni in grado di fornire una visione completa delle emissioni della supply chain, anche la più estesa. 

Il Carbon Action Module di EcoVadis consente di raccogliere e analizzare i dati critici, ottimizzare la strategia e collaborare con i partner della catena del valore per misurare e ridurre le emissioni, al fine di soddisfare gli impegni aziendali e gli obiettivi basati sulla scienza e allinearsi così con gli obiettivi di settore e globali.  

Le aziende possono così migliorare i risultati di sostenibilità e mitigare i rischi fornendo agli stakeholder aziendali prove tangibili e facilmente leggibili sul loro impegno verso la carbon neutrality e ottenendo così vantaggi di business in termini di reputazione del brand, fidelizzazione dei talenti, richiamo di investimenti e aumento del fatturato.

Allineare l’innovazione del Procurement agli obiettivi fissati dell’Unione Europea e intraprendere un percorso verso la sostenibilità della supply chain è stato oggetto di discussione della IX Edizione del Negotiorum FUCINA Week organizzato da ADACI, Associazione Italiana Acquisti e Supply Management, a cui EcoVadis ha contribuito con l’intervento di Giulia Borsa - Account Executive, EcoVadis Italia e Spagna - alla Tavola Sostenibilità e Green Purchasing.

Informazioni sull'autore

IT EcoVadis IT

EcoVadis è l'azienda più affidabile al mondo di valutazioni di sostenibilità aziendale, intelligenza e strumenti collaborativi per il miglioramento delle prestazioni delle catene di fornitura globali. Supportate da una potente piattaforma tecnologica e da una squadra globale di esperti, le schede di sostenibilità di EcoVadis, di facile fruizione e attivazione, forniscono una visione dettagliata dei rischi ambientali, sociali ed etici di 200 categorie di acquisto e 160 paesi.

Segui su Twitter Segui su LinkedIn Visita il sito Web Altri contenuti di {{noun}}
Articolo precedente
Una nuova finanza sostenibile della supply chain per accelerare la crescita
Una nuova finanza sostenibile della supply chain per accelerare la crescita

Una nuova finanza sostenibile della supply chain: tre fattori chiave che guidano le partnership innovative ...

Articolo successivo
La produttività delle aziende è sempre più dipendente  dalla gestione del rischio della sua supply chain
La produttività delle aziende è sempre più dipendente dalla gestione del rischio della sua supply chain

Come emerso dal CPO Summit 2021 il procurement gioca sempre di più un ruolo chiave nella strategia di cresc...