Conseguenze o preludio? Sei previsioni che avranno un impatto sul business sostenibile nel 2021

February 3, 2021 IT EcoVadis IT

Iniziato il nuovo anno con grande speranza e determinazione, abbiamo riflettuto sulle principali tendenze e progressi della sostenibilità che ci aspettiamo di vedere nei prossimi mesi. Mentre stiamo ancora affrontando la crisi del coronavirus, si puntato i riflettori sulla necessità urgente di rinnovare gli sforzi di sostenibilità nella catena di approvvigionamento e il nuovo anno offre il momento perfetto per farlo. In breve, c'è molto lavoro da fare e abbiamo cercato di sintetizzare in 6 punti ciò che prevediamo per il 2021.

  • Le organizzazioni daranno priorità alle riduzioni delle emissioni di Scope 3 (catena del valore) per guidare un'azione duratura per il clima. Ad oggi, l'attenzione si è focalizzata sulla riduzione delle emissioni di Scope 1 e 2. Nel 2021, molte più aziende si renderanno conto che non è possibile compiere progressi misurabili a meno che non si riducano le emissioni lungo la catena del valore. La tendenza sarà accelerata da iniziative aziendali e sociali (ad esempio l’adesione agli SBTi e agli obiettivi dell’Accordo di Parigi), da nuove normative (come l’imminente aumento delle tasse sul carbonio in Europa) e maggiori vincoli sui combustibili fossili.
  • Diversitywashing diventerà il nuovo Greenwashing. Consumatori, investitori e stakeholder saranno meno superficiali in tema di diversità e richiederanno alle aziende di fornire completa trasparenza nella gestione della forza lavoro e nelle pratiche e comportamenti della supply chain. Le decisioni di approvvigionamento e investimento terranno conto della  diversità della forza lavoro, del modo in cui i dipendenti vengono trattati e degli impegni per la diversità, sia a livello di brand che di fornitore.
  • La "mano visibile" tornerà. I prossimi 10 anni porteranno maggiore regolamentazione sulla sostenibilità poiché ai legislatori viene chiesto di usare il loro potere per migliorare i risultati di sostenibilità non solo all'interno delle proprie giurisdizioni, ma attraverso le catene del valore globali. Il processo sarà fissato in Europa con il Green Deal dell'UE e in Nord America con il previsto ritorno degli Stati Uniti all'Accordo di Parigi. La Mano Visibile costringerà i ritardatari della sostenibilità a cambiare per sopravvivere, spingendo ulteriormente in avanti i first mover e i leader che otterranno vantaggio competitivo in investimenti, M&A, crescita e ricavi.
  • La ricaduta economica del COVID-19 metterà alla prova le pratiche sociali. Con l’esplosione della pandemia, l'attenzione è stata (giustamente) posta sulla sicurezza dei lavoratori. Dopo pochi mesi, migliaia di persone sono state lasciate senza sostegno o sovraccaricate di lavoro dai datori di lavoro, mettendo le catene di approvvigionamento ad alto rischio per le questioni relative ai diritti umani. Il prossimo scenario è la sbornia economica, con molte industrie che guardano a riprese pluriennali e subiscono un'enorme pressione nelle prestazioni. Le grandi aziende globali, in particolare quelle nei settori a più lenta ripresa, devono essere estremamente attente ai propri fornitori e concentrarsi maggiormente sui diritti umani e sulle questioni sociali per garantire che non si debba tagliare per sopravvivere.
  • L'ascesa e la ridefinizione della resilienza sposteranno l'ottimizzazione della catena di approvvigionamento da just-in-time a just in case, elevando gli approcci di sostenibilità dalla resilienza alla performance. La pandemia ha indotto le persone a ripensare a ciò che fanno e a come lo fanno, con un punto fermo verso la resilienza. Nel 2021, più organizzazioni scopriranno che gli approcci popolari del 2020, come la diversificazione dei fornitori e il near-shoring, non affrontano il nocciolo del problema. La vera resilienza richiede alle organizzazioni di rinnovare i propri programmi di gestione della sostenibilità concentrandosi sulle relazioni con i fornitori, il miglioramento continuo e le prestazioni a lungo termine.

Molte cose sono cambiate nel corso del 2020 così come la nostra conferenza annuale, Sustain, che è diventata virtuale con più di 1.600 partecipanti che hanno interagito in modo digitale con oltre 50 esperti e leader di settore.

Forti di questo successo, siamo entusiasti che anche Sustain 2021 sarà completamente virtuale, offrendo l'opportunità di ispirarsi, cogliere nuove intuizioni nell’impegno, discutere di soluzioni e partnership innovative ed entrare in contatto con colleghi ed esperti di tutto il mondo. Le registrazioni sono aperte! 

Sei interessato a diventare un relatore per Sustain 2021? Invia la tua candidatura oggi.

Speriamo di incontrarti lì!

 

Informazioni sull'autore

IT EcoVadis IT

EcoVadis è l'azienda più affidabile al mondo di valutazioni di sostenibilità aziendale, intelligenza e strumenti collaborativi per il miglioramento delle prestazioni delle catene di fornitura globali. Supportate da una potente piattaforma tecnologica e da una squadra globale di esperti, le schede di sostenibilità di EcoVadis, di facile fruizione e attivazione, forniscono una visione dettagliata dei rischi ambientali, sociali ed etici di 200 categorie di acquisto e 160 paesi.

Segui su Twitter Segui su LinkedIn Visita il sito Web Altri contenuti di {{noun}}
Documento precedente
2020 Year in Review
2020 Year in Review

Lo scorso gennaio non potevamo immaginare che il 2020 ci avrebbe messo così a dura prova. Ma dopo aver supe...

Articolo successivo
Meno rifiuti e disparità territoriali. L'Italia del riciclo alla prova del Covid
Meno rifiuti e disparità territoriali. L'Italia del riciclo alla prova del Covid

Non poteva che fare i conti con la più grave pandemia degli ultimi 100 anni l’undicesima edizione dell’Ital...