LPR - La Palette Rouge: come un'azienda di medie dimensioni sta gestendo la crisi da COVID-19

February 10, 2021 IT EcoVadis IT

Durante la crisi globale da COVID-19, molte aziende hanno messo alla prova la resilienza della loro catena di approvvigionamento. La diffusione della pandemia ha colpito ovunque le aziende globalizzate, intensificando i rischi della supply chain, con gravi conseguenze per le imprese che non dispongono di sistemi di gestione. 

LPR - La Palette Rouge è una società che fornisce servizi logistici, basati sul noleggio e sulla restituzione di pallet riutilizzabili, a produttori e distributori del settore di beni di consumo ad alta rotazione (FMCG) e al dettaglio del mercato europeo. LPR opera in diversi paesi europei tra cui Francia, Spagna, Portogallo, Italia e Regno Unito, gestendo più di 83 milioni di movimenti di pallet all'anno in tutta Europa. Il portafoglio clienti comprende marchi leader nel settore dei beni di consumo, compresi quelli di bevande, frutta e verdura e igiene. Grazie al suo sistema di pallet riutilizzabili, i clienti possono ridurre il loro impatto ambientale e, quindi, contribuire a un'economia circolare attraverso la catena di approvvigionamento. La materia prima di LPR è il legno e quindi uno degli obiettivi primari dell'azienda è riequilibrare la sua impronta di carbonio attraverso progetti di riforestazione in Francia e in altre località. Entro il 2025, LPR spera anche di ridurre la sua impronta di carbonio ottimizzando i trasporti, assicurando che non ci siano resi vuoti e considerando le opzioni di veicoli ibridi o elettrici. Per cinque anni consecutivi, LPR ha ricevuto una valutazione Gold da EcoVadis per il suo impegno nella riduzione dell'impatto ambientale dell'intera catena di fornitura e recentemente è passata alla valutazione Platinum, il massimo riconoscimento possibile.

 

L’impatto del COVID-19 sul business

Ma come è andata l'azienda durante la crisi da COVID-19? Recentemente abbiamo intervistato LPR per saperne di più sull'impatto che la pandemia ha avuto sull'azienda e sui piani per la gestione delle interruzioni improvvise della catena di fornitura. Alla domanda sulle conseguenze della pandemia sull’attività di business, i rappresentanti di LPR hanno risposto che avevano effettivamente "visto un'elevata domanda nelle ultime due settimane, sia per la consegna di pallet ai siti di produzione dei clienti che per la raccolta di pallet dai distributori dopo l'uso." Hanno riferito che "i volumi erano circa il 15% più alti" rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tuttavia, hanno anche notato che "i volumi dei clienti nel settore dell'ospitalità erano cessati... un impatto che non dovrebbe essere trascurato". Per quanto riguarda i dipendenti, hanno espresso di considerarsi "fortunati che tutti i dipendenti fossero in grado di lavorare da casa e quindi in grado di continuare le loro attività quotidiane."

 

La continuità di business di fronte a una crisi

Alla domanda sulle difficoltà incontrate dall'azienda nel mantenere la continuità di business, hanno risposto che "il trasporto tra i paesi è ancora autorizzato, il che è assolutamente essenziale" per l'attività di LPR, ma "se il trasporto dovesse interrompersi per qualsiasi motivo, incontrerebbero rapidamente dei problemi" relativamente alla fornitura ai propri clienti. Finora, dicono, "LPR non ha riscontrato alcun impatto legislativo su centri di servizio o trasporti", ma "ci aspettiamo tempi più lunghi per l’attraversamento delle frontiere".

 

Gestione e monitoraggio dei cambiamenti

Avendo una filiale italiana duramente colpita dalla pandemia, LPR è stata in grado di anticipare la curva e "attuare un piano di crisi in modo rapido ed efficace". Sapendo che i dipendenti avrebbero dovuto lavorare da casa, l'azienda ha mobilitato il suo team IT per garantire che tutti i dipendenti fossero collegati alle applicazioni necessarie per continuare l'attività: "Abbiamo creato rapidamente una cellula di crisi interna incaricata di fornire informazioni ai nostri dipendenti, clienti e fornitori, tenendo conto delle direttive del governo. Abbiamo strumenti interni che centralizzano le informazioni e le rendono accessibili a tutti". Per garantire che i requisiti dei clienti siano costantemente soddisfatti, i team operativi e di vendita di LPR rimangono regolarmente in contatto.

 

Progetti futuri

Alla domanda sui progetti per il futuro, hanno espresso la difficoltà di fare previsioni e piani in questo momento: sebbene per ora le attività continuino, LPR sa che "non sono immuni alla chiusura delle fabbriche" e non possono valutare l'impatto psicologico di tali eventi sui dipendenti, nonostante i loro sforzi migliori per proteggerli con servizi di consulenza gratuiti.

Hanno concluso con una nota ottimistica, tuttavia, sottolineando che "Questa crisi è stata un'opportunità per testare la solidarietà tra i partner della filiera a tutti i livelli. Ogni elemento della catena di approvvigionamento dipende dall’altro, quindi lavorare insieme in modo collaborativo è fondamentale." Hanno aggiunto che "Nonostante i vincoli, i nostri fornitori di servizi si sono dimostrati esemplari, consentendo loro di evadere tutti gli ordini nonostante volumi di affari insolitamente elevati."

Per saperne di più su come l'impatto del COVID-19 si ripercuote a livello globale sulle supply chain e sulle sfide che le aziende dovranno affrontare tornando alla normalità, leggi la nostra infografica sulle quattro fasi delle risposte della supply chain al COVID-19.

Informazioni sull'autore

IT EcoVadis IT

EcoVadis è l'azienda più affidabile al mondo di valutazioni di sostenibilità aziendale, intelligenza e strumenti collaborativi per il miglioramento delle prestazioni delle catene di fornitura globali. Supportate da una potente piattaforma tecnologica e da una squadra globale di esperti, le schede di sostenibilità di EcoVadis, di facile fruizione e attivazione, forniscono una visione dettagliata dei rischi ambientali, sociali ed etici di 200 categorie di acquisto e 160 paesi.

Segui su Twitter Segui su LinkedIn Visita il sito Web Altri contenuti di {{noun}}
Articolo precedente
Italiani campioni del riciclo, nuova vita all'1% di rifiuti in più
Italiani campioni del riciclo, nuova vita all'1% di rifiuti in più

I dati Conai: nonostante la contrazione dei consumi a causa del Covid, il circolo virtuoso non si è interro...

Documento successivo
2020 Year in Review
2020 Year in Review

Lo scorso gennaio non potevamo immaginare che il 2020 ci avrebbe messo così a dura prova. Ma dopo aver supe...