Il B2B Sustainability Forum di EcoVadis, per la prima volta in Italia

December 13, 2021
Quest’anno il B2B Sustainability Forum ha avuto un’edizione tutta italiana. I tempi erano maturi grazie alla presenza consolidata di EcoVadis nel nostro Paese e per l’aumento del numero di aziende italiane consapevoli dell’importanza dell’attivazione di pratiche sostenibili e impegnate su questo fronte. 
 
L’evento virtuale è stato un successo e ha visto la partecipazione di diversi clienti italiani di varie industry, che hanno accolto l’invito a raccontare la loro esperienza. Professionisti in ambito procurement, approvvigionamento, sostenibilità e supply chain si sono riuniti per illustrare i piani aziendali e le azioni implementate nella catena di fornitura per migliorare le prestazioni, mitigare i rischi e stimolare una crescita sostenibile.
 
Tutte le aziende si sono trovate d’accordo nel riconoscere EcoVadis come l’abilitatore per lo sviluppo di programmi di sostenibilità strutturati, possibili grazie anche a nuovi strumenti di misurazione e apprendimento come il Carbon Action Module e l’EcoVadis Academy. 
 
Roberta Garizio, Indirect Purchasing Director di Lavazza e Greta Giannone, Responsabile dei Sistemi di Gestione di Notari srl, hanno raccontato il percorso di sostenibilità e di procurement sostenibile delle loro aziende, mentre Federico Introvigne, Head of Procurement Excellence & Governance della life company A2A, ha parlato della strategia di sostenibilità dell’azienda, con particolare riferimento al percorso verso l’agenda 2030, e il progetto di valutazione della matrice di maturità dei propri fornitori. Questa è stata sviluppata insieme ad EcoVadis in linea con le migliori conoscenze del settore e con gli esempi virtuosi più rilevanti, al fine di raccogliere e analizzare dati qualitativi su aspetti essenziali alla costruzione di un programma di approvvigionamento sostenibile solido e di successo.
 

Tavola rotonda: il coinvolgimento dei fornitori & il procurement sostenibile

Camille Messer, Key Account Executive di EcoVadis, ha moderato una tavola rotonda con protagonisti Elena Carniglia, Group Sustainability Director di Guala Closure; Lidia Di Filippo, Responsabile Qualifica e Rating Fornitori di Acea e Vincenzo Bruno, Direzione Acquisti di Rete Ferroviaria Italiana. 
 
Acea, una delle principali multiutility italiane, alla fine del 2020 ha adottato il modello EcoVadis, che prevede la valutazione delle performance dei fornitori nell’ambito della sostenibilità. I fornitori che decidono di essere valutati parteciperanno a una fase di assesment su 21 criteri CSR nell’ambito dell’etica, l’ambiente, i diritti umani e gli acquisti sostenibili. Acea basa da sempre il proprio business sulla crescita sostenibile, sull’ascolto degli stakeholder, sullo sviluppo sociale ed economico dei territori in cui opera e sulla tutela ambientale. L’impegno di Acea è di introdurre il rating EcoVadis come criterio premiante, per stimolare i fornitori a monitorare le loro prestazioni. La collaborazione nella filiera crea infatti un valore condiviso.
 
Anche Guala Closure ha iniziato il suo percorso di sostenibilità undici anni fa con un programma quinquennale basato sui pilastri sociale, ambientale ed economico. Ha poi rivisto la procedura interna di valutazione dei fornitori su criteri come la qualità e la sicurezza ma anche etico sociali e ha chiesto loro di aderire alla piattaforma EcoVadis, al fine di realizzare una filiera di approvvigionamento sostenibile.
 
La struttura operativa all’interno della direzione acquisti di RFI che si occupa dei temi della sostenibilità ha adottato un rating di sostenibilità già da qualche anno. Scegliendo il modello EcoVadis già nel 2016, RFI è stata una delle prime aziende che ha scelto di monitorare i fornitori e che premiasse i criteri CSR nelle gare e negli appalti. Maggior coinvolgimento e consapevolezza da parte degli operatori economici e maggiore competitività sono stati i benefici condivisi.
 
I racconti delle diverse aziende sono stati di grande ispirazione per comprendere come l’impegno sui temi della sostenibilità generi valore per tutti gli attori coinvolti e per l’intera società. Continuiamo insieme questo viaggio! 
Video precedente
[Jaggaer] - Procurement sostenibile: dalla teoria alla pratica. L’esperienza di Gruppo Fedrigoni con JAGGAER ed EcoVadis
[Jaggaer] - Procurement sostenibile: dalla teoria alla pratica. L’esperienza di Gruppo Fedrigoni con JAGGAER ed EcoVadis

Secondo gli analisti il processo di acquisto – a partire dalla selezione dei fornitori – può impattare sull...

Articolo successivo
La gestione della sostenibilità in Wienerberger: un percorso chiaro per l'intera catena del valore
La gestione della sostenibilità in Wienerberger: un percorso chiaro per l'intera catena del valore

Christine Vieira Paschoalique, Head of Corporate Sustainability, ha parlato del percorso di sostenibilità d...