I progressi sulle performance di sostenibilità in Italia fotografati da uno studio EcoVadis e Médiateur des entreprises

July 19, 2022 IT EcoVadis IT
Pubblicato in collaborazione con le Médiateur des entreprises - il mediatore del governo francese per le relazioni con le imprese - Measuring the Sustainability Performance of European Companies 2021 esplora i progressi in materia di sostenibilità compiuti dalle aziende della rete EcoVadis in Europa, nell'OCSE e nei Paesi BRICS dal 2015 al 2020. 
 
Lo studio Measuring the Sustainability Performance of European Companies ha analizzato oltre 90.000 valutazioni di sostenibilità effettuate da EcoVadis su quasi 50.000 aziende dal 2015 al 2020. Le aziende, valutate su una scala da 0 a 100 in base alle loro prestazioni su quattro temi - Ambiente, Lavoro e Diritti Umani, Etica e Acquisti sostenibili - sono state raggruppate in quattro categorie che riflettono la maturità del loro sistema di gestione della sostenibilità: "esemplare" (65 o più), "buono" (45-64), "parziale" (25-44) o "insufficiente" (inferiore a 25).
 

Confronto tra l'evoluzione delle prestazioni italiane e globali dal 2015 al 2020

Le aziende di tutto il mondo hanno compiuto progressi significativi in materia di sostenibilità nel corso dei sei anni, con un aumento del punteggio medio della valutazione EcoVadis dell'11% - da 42,6 nel 2015 a 47,4 nel 2020. Lo studio Médiateur ha rilevato che le aziende italiane si sono piazzate al terzo posto in termini di progressi globali in materia di sostenibilità dal 2015 al 2020. Complessivamente, l'Italia ha guadagnato 8,7 punti nel periodo di sei anni, collocandosi dietro la Grecia (+9,8) e la Norvegia (+9), ma davanti a Spagna (+8), Finlandia (+7,1), Belgio (+7), Germania (+6,8) e tutti gli altri Paesi della rete EcoVadis. In questo periodo, i progressi sono stati guidati in modo relativamente equo dalle PMI (<1.000 dipendenti) e dalle grandi aziende (>1.000 dipendenti), con le PMI che hanno guadagnato 8,5 punti e le grandi aziende 7,8. 
 

Riflettori tra le aziende più impegnate

Lo studio ha anche analizzato l’evoluzione di un sottoinsieme particolarmente impegnato di 2.342 aziende (che rappresentano il 14% del totale) in tutto il mondo, valutate nel 2015 e nuovamente nel 2020 confrontandolo con un sottoinsieme simile di aziende italiane.    
  • A livello globale, la quota di aziende "esemplari" è triplicata, passando dal 6% di tutte le aziende nel 2015 al 19% nel 2020. L'Italia è passata da non avere aziende all’interno della categoria "esemplare" nel 2015, all'11% nel 2020. 
  • In Italia, la quota di aziende con un sistema di gestione della sostenibilità "buono" è aumentata dal 69% all'83%, con il 76% delle aziende nella categoria "parziale" che è passata al livello successivo. Le aziende italiane in questa categoria hanno ottenuto un miglior risultato  delle aziende globali la cui percentuale nella categoria "buono" è cresciuta dal 50% del 2015 al 59% nel 2020.
  • La percentuale di aziende globali valutate con un sistema di gestione "parziale" si è praticamente dimezzata nel corso dei sei anni (dal 39% nel 2015 al 20% nel 2020). In Italia, questa percentuale è crollata dal 30% nel 2015 ad appena il 6% nel 2020.
  • A livello globale, la percentuale di aziende "insufficienti" è scesa ad appena il 2%. Solo l'1% delle aziende italiane in questa valutazione aveva un livello di gestione "insufficiente" nel 2015 - tutte queste aziende hanno superato la categoria "parziale" e hanno ricevuto una valutazione "buona" nel 2020. 

Tendenze della performance italiana nel 2020 

Nel 2020, l'Italia si è classificata al quinto posto nella classifica di EcoVadis sulle performance di sostenibilità globali, con le sue aziende che hanno ottenuto un punteggio complessivo di 53,6. Si è classificata a oltre due punti dalla Finlandia, leader mondiale, e a mezzo punto da Regno Unito e Francia. Il rispettabile aumento di 1,5 punti dell'Italia rispetto al 2019 è stato guidato dai solidi progressi compiuti sui temi Ambiente, Lavoro e Diritti Umani ed Etica. Mentre dal 2019 al 2020 sono stati compiuti progressi minimi per quanto riguarda l’Approvvigionamento sostenibile, con un punteggio di 41,2 punti. Tuttavia, dato che in questo periodo le prestazioni su questo tema sono calate nella maggior parte dei Paesi rappresentati nella rete EcoVadis - e persino i principali Paesi nordici hanno perso terreno - le aziende italiane hanno mostrato una promettente capacità di recupero nel procurement sostenibile.
Nell'arco di sei anni, le PMI (<1.000 dipendenti) in Italia hanno aumentato il loro punteggio complessivo di 8,5 punti, raggiungendo il 53,9 nel 2020; le grandi aziende (>1.000 dipendenti) hanno guadagnato 7,8 punti, raggiungendo il 50,6. A differenza del Regno Unito, dove sono state le PMI a guidare tutti i progressi compiuti dal 2019 al 2020, i recenti progressi in Italia sono stati guidati sia dalle PMI che dalle grandi aziende. Con un punteggio complessivo di 53,9 nel 2020, le PMI italiane si sono collocate a soli 0,1 punti dalla Finlandia, leader dell'UE, e a 1,1 punti dal Regno Unito, leader mondiale nelle prestazioni delle PMI.   
 

Il Procurement sostenibile in Italia 

I dati di EcoVadis mostrano che le aziende italiane hanno compiuto forti progressi in materia di sostenibilità, con le PMI e le grandi aziende che hanno costantemente migliorato le loro prestazioni in tutti i temi di valutazione dal 2015. Tuttavia, come per molte aziende della rete EcoVadis, le prestazioni sul tema degli Acquisti sostenibili sono state contrastanti. Le PMI hanno aumentato il loro punteggio da 40,3 nel 2015 a 43,2 nel 2020; le grandi aziende hanno aumentato il loro punteggio del 2015 di 34,1 fino a raggiungere un massimo di 39,4 nel 2017, ma sono regredite a 39 nel 2020. Mentre le PMI si posizionano tra le prime 5 nell'UE su questo tema, le grandi aziende sono indietro di 3,7 punti rispetto alla media europea. 
 
Per evitare di rimanere ulteriormente indietro rispetto ai leader europei, le grandi aziende italiane devono concentrarsi sullo sviluppo di programmi efficaci di gestione della sostenibilità dei fornitori, che non si limitino a mitigare i rischi della catena di fornitura, ma che portino a miglioramenti duraturi delle prestazioni. La proposta della Commissione europea di una direttiva sulla due diligence di sostenibilità aziendale, che si applicherà alle aziende con almeno 250 dipendenti che raggiungono determinate soglie di fatturato, non farà altro che accelerare la necessità per le grandi aziende, e per quelle più piccole che rientrano nel campo di applicazione, di trasformare il loro approccio agli acquisti sostenibili.” Ha commentato Giuseppe Elia Strategic Account Executive Italia di EcoVadis.
 
La pressione sulle aziende italiane per affrontare i problemi ambientali e di diritti umani che persistono nelle loro catene di approvvigionamento sta aumentando, in particolare nei settori dell'agricoltura, dell'abbigliamento e della logistica che spesso si affidano alla manodopera di lavoratori migranti vulnerabili provenienti dall'Asia e dall'Africa.  "In quanto economia altamente sviluppata dell'Unione Europea, l'Italia dovrebbe creare senza ulteriori indugi un'istituzione nazionale per i diritti umani forte e indipendente, con un mandato esplicito per affrontare le violazioni dei diritti umani legate alle imprese. Dovrebbe inoltre emanare una legge obbligatoria sui diritti umani e sulla due diligence ambientale" ha dichiarato Surya Deva, presidente di un recente gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sui diritti umani
 
 

Informazioni sull'autore

IT EcoVadis IT

EcoVadis è l'azienda più affidabile al mondo di valutazioni di sostenibilità aziendale, intelligenza e strumenti collaborativi per il miglioramento delle prestazioni delle catene di fornitura globali. Supportate da una potente piattaforma tecnologica e da una squadra globale di esperti, le schede di sostenibilità di EcoVadis, di facile fruizione e attivazione, forniscono una visione dettagliata dei rischi ambientali, sociali ed etici di 200 categorie di acquisto e 160 paesi.

Segui su Twitter Segui su LinkedIn Visita il sito Web Altri contenuti di {{noun}}

Nessun articolo precedente

Articolo successivo
EcoVadis formalizza il suo impegno come azienda orientata al conseguimento dei propri obiettivi di sostenibilità (Purpose-Led Company)
EcoVadis formalizza il suo impegno come azienda orientata al conseguimento dei propri obiettivi di sostenibilità (Purpose-Led Company)

In base ai requisiti stabiliti dalla legge francese Loi PACTE, siamo diventati un'azienda orientata allo sc...

Scopri come le aziende stanno avendo un impatto positivo sulla sostenibilità nel nostro nuovo report

Visualizza ora