Il sostegno finanziario per il Covid-19 come leva per il business responsabile

May 26, 2020 IT EcoVadis IT

di Wim Peeters

Mentre la pandemia Covid-19 continua ad avere grandi conseguenze sull’economia e la finanza, non sorprende vedere l’adozione di una serie di misure di emergenza per proteggere le imprese e supportare gli stakeholder. I governi stanno fornendo misure finanziarie e liquidità per cercare non solo di aiutare i singoli cittadini in difficoltà, ma anche di proteggere le imprese, limitare i fallimenti e ridurre al minimo la distruzione di manodopera e competenze. Nella crisi, questa è un’opportunità per guardare avanti e prepararci per quando potremo tornare a una “Nuova Normalità” che favorisca la resilienza e la sostenibilità.

Una delle prime reazioni delle aziende nella fase iniziale della crisi è stata quella di accumulare quanta più liquidità possibile per affrontare la recessione, di cui l’impatto e la durata sono ancora incerti. Queste azioni stanno avendo effetti a cascata – su dipendenti, clienti e in particolare sulle catene di approvvigionamento di queste aziende, esacerbando ulteriormente l’impatto finanziario.

Grandi imprese decidono di sostenere gli stakeholder della catena del valore

I governi e le banche centrali hanno riconosciuto l’imminente contrazione della liquidità e si sono precipitati a portare sul mercato tutta la disponibilità che potevano permettersi, nel tentativo di ridurre al minimo i fallimenti delle imprese e gli effetti a catena dei lavoratori disoccupati. Abbiamo visto anche le iniziative illuminate di alcune multinazionali leader per supportare le loro catene del valore: capiscono che, per sopravvivere a medio e lungo termine, devono assicurarsi che anche i partner della catena di fornitura sopravvivano, fino a quando potremo uscire da questa crisi e riavviare le attività. Un paio di esempi sono Unilever, che ha investito 500 milioni di euro, e Danone, che ha impegnato 250 milioni di euro, per supportare i fornitori di piccole e medie dimensioni.

Chi dovrebbe ricevere le scarse risorse di liquidità?

È incoraggiante vedere il supporto visionario per gli stakeholder dai protagonisti del settore privato, così come dai governi, per cercare di mantenere la liquidità. Ma non è un segreto che molte catene di approvvigionamento stanno già affrontando sfide difficili, come il lavoro forzato, il debito, le cattive condizioni di lavoro, le pratiche dannose per l’ambiente e la cattiva etica. Le decisioni su quali aziende supportare durante la crisi Covid-19 pongono una domanda vitale – una questione essenziale per la ripresa a lungo termine: esistono dei criteri applicati per garantire che vengano selezionate quelle “buone” rispetto a quelle “cattive”?

Le azioni a tutela delle imprese rappresentano un’opportunità per garantire che il sostegno finanziario sia esteso agli attori della catena di approvvigionamento in grado di dimostrare trasparenza nelle loro prestazioni di sostenibilità, essenziale per costruire una base di offerta più resiliente. Se non vengono applicati dei criteri, rischiamo di estendere il supporto agli attori che sono – o sono ad alto rischio di – perpetuare pratiche commerciali insostenibili e irresponsabili.

Non sarebbe orribile scoprire che questi aiuti finanziari sono stati concessi alle aziende che sfruttano i loro lavoratori o hanno una scarsa esperienza ambientale?

In molti casi, si presume – o almeno si spera – che, affinché tale sostegno finanziario sia efficace nel preservare le basi del lavoro e delle competenze, alcuni di questi aiuti andranno ai lavoratori stessi sotto forma di retribuzioni e benefici, in modo che possano preservare le loro case e famiglie. Se i fornitori non sono etici, quali sono le probabilità che condivideranno parte di quei soldi con i loro lavoratori?

Pertanto, spetta alle aziende che stanno pensando di estendere l’aiuto finanziario ai loro partner chiave della catena di approvvigionamento subordinare tale assistenza a  trasparenza e prestazioni in termini di sostenibilità.

Cogliere l’opportunità di fare di meglio

Alcuni politici e governi lungimiranti hanno già iniziato a lanciare questo appello per stabilire degli standard: il governo finlandese sta valutando di collegare i sussidi per il recupero post-Covid-19 alla conversione dell’economia da combustibile fossile a fonti rinnovabili. I governi stanno proponendo di includere condizioni legate al cambiamento climatico e garanzie di lavoro nei requisiti per gli aiuti che possono fornire alle compagnie aeree, come Lufthansa, Austrian Airlines e Brussels Airlines, per tenerle a galla. In Francia, il membro dell’Assemblea Nazionale Olivia Gregoire ha chiesto “di premiare le aziende virtuose” (ad esempio, coloro che pagano prima i fornitori o sospendono i dividendi) con un sostegno economico. Inoltre, sembra una cosa ovvia assicurarsi che i fondi di soccorso non ricompensino le aziende che prendono tangenti o impiegano il lavoro minorile, già parte delle leggi sulla due diligence della catena di fornitura francese “Devoir de Vigilance” e delle misure anticorruzione “Sapin II”.

Questa è una rara opportunità per offrire ricompense finanziarie alle aziende in base al loro curriculum di sostenibilità o alla loro volontà di impegnarsi in misure di miglioramento e trasparenza. Speriamo che i governi e le grandi aziende comprendano questa visione e pensino fuori dagli schemi quando pianificano come versare trilioni di dollari per aiutare l’economia: sfruttare questo aiuto attraverso la portata delle catene di approvvigionamento globali è la forza più potente delle imprese per guidare il progresso sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite per creare una società più solida e resiliente e migliorare la vita di milioni di lavoratori vulnerabili.

Mark Carney (ex governatore della Bank of England) ha dichiarato, nel suo recente articolo dell’Economist come il Covid-19 potrebbe indurre l’economia a cedere ai valori umani, che “… [Covid-19 è] una prova del capitalismo delle parti interessate. Quando sarà finita, le aziende saranno giudicate da ‘ciò che hanno fatto durante la guerra’, dal modo in cui hanno trattato i loro dipendenti, fornitori e clienti, chi ha condiviso e chi ha accumulato”. Facciamo un ulteriore passo avanti e assicuriamoci che le imprese con le quali “condividiamo” condividano anche i valori aziendali responsabili, che saranno essenziali per costruire un futuro resiliente e sostenibile.

Informazioni sull'autore

IT EcoVadis IT

EcoVadis è l'azienda più affidabile al mondo di valutazioni di sostenibilità aziendale, intelligenza e strumenti collaborativi per il miglioramento delle prestazioni delle catene di fornitura globali. Supportate da una potente piattaforma tecnologica e da una squadra globale di esperti, le schede di sostenibilità di EcoVadis, di facile fruizione e attivazione, forniscono una visione dettagliata dei rischi ambientali, sociali ed etici di 200 categorie di acquisto e 160 paesi.

Segui su Twitter Segui su LinkedIn Visita il sito Web Altri contenuti di {{noun}}
Articolo precedente
COVID-19: Il dilemma etico rivela le debolezze nella due diligence della catena di approvvigionamento
COVID-19: Il dilemma etico rivela le debolezze nella due diligence della catena di approvvigionamento

Ci sono lavoratori nascosti nelle profondità della catena di approvvigionamento che lavorano in condizioni...

Articolo successivo
Il Coronavirus ha annullato gli audit in loco sulla sostenibilità del fornitore? Le valutazioni possono venire in aiuto.
Il Coronavirus ha annullato gli audit in loco sulla sostenibilità del fornitore? Le valutazioni possono venire in aiuto.

Le aziende possono mitigare il rischio di sostenibilità mantenendo la visibilità della catena di approvvigi...