Punti di vista: Pascale de Felix, Direttore Global Sourcing - Metodi, strumenti e approvvigionamento responsabile presso il Gruppo Bel

February 22, 2021 IT EcoVadis IT

Groupe Bel

 

Dopo Shui Mahieu di Air Liquide, Mathilde Goussault di Bonduelle e Thibault de Montrion d’Orange, la nostra galleria di ritratti di professionisti impegnati quotidianamente in acquisti responsabili prosegue con Pascale de Felix del Groupe Bel.

Pascale DE FELIX, Direttore Global Sourcing - Metodi, strumenti e approvvigionamento responsabile presso il Gruppo Bel

"Le aziende hanno un ruolo chiave nella costruzione di un modello di sviluppo più sostenibile, migliorando le loro pratiche e quelle della loro catena di fornitura"
 

Pascale de Felix, nel Gruppo Bel da 30 anni, rappresenta l’azienda nell'associazione di settore AIM-Progress e ha 10 anni di esperienza negli acquisti responsabili.

Pascale, come ha iniziato ad occuparsi di acquisti responsabili?

Dopo aver conseguito un master in amministrazione aziendale presso la NEOMA Business School e circa 20 anni nel marketing, sono entrata a far parte del dipartimento acquisti di Bel Group nel 2008.

All’interno del mio portfolio di acquisti, ero responsabile dell'approvvigionamento di articoli promozionali e regali aziendali, una categoria che ha un peso molto ridotto nel nostro volume di acquisti ma un elevato rischio per l'ambiente, la società (per esempio le condizioni di produzione, la complessità della catena di fornitura, ecc.) e per la reputazione del nostro marchio. 

Due anni dopo essere entrata nel Gruppo, la Direzione Generale ha comunicato la propria disponibilità a estendere l'approccio CSR a tutte le entità operative. Per fare ciò, è stata creata una rete di circa 20 referenti aziendali CSR - me compresa - con la missione principale di co-creare politiche CSR e supportarne l'implementazione nei rispettivi settori di competenza.

Sono da diversi anni referente CSR, oltre alla mia posizione di responsabile acquisti di beni e servizi non di produzione. Da due anni, questa missione è parte integrante della mia nuova posizione di Direttore Acquisti del Gruppo Strumenti, Metodi e CSR. 

L’evoluzione verso acquisti responsabili e responsabilità sociale nell’ambito della carriera professionale, non è un caso. Se ci impegnamo è perché siamo personalmente convinti della loro importanza! Al di là degli sforzi che ciascuno di noi può compiere individualmente, le aziende hanno un ruolo essenziale nella costruzione di un modello di sviluppo più sostenibile, migliorando le proprie pratiche di filiera. Di fronte al cambiamento climatico e alle sue disastrose conseguenze per l'umanità, dobbiamo trovare subito soluzioni e opportunità adeguate.

 
 All'interno della rete di referenti CSR, è responsabile di un pool per il coinvolgimento dei fornitori. Puoi illustrare la sua missione e le fasi principali del suo approccio all'acquisto responsabile?
 
Sono responsabile del pool che ha lo scopo di promuovere buone pratiche sociali e ambientali tra i nostri fornitori. Le prestazioni dei nostri partner fanno parte della responsabilità estesa. Come il nostro Presidente e CEO, Antoine Fievet, ci ha recentemente ricordato: “La nostra responsabilità non si limita alla sola portata delle nostre attività. Si estende a tutta la catena del valore ". 

Per coinvolgere i nostri fornitori, e quindi i nostri acquirenti, abbiamo compiuto passi importanti. 

Parallelamente alla realizzazione della nostra Carta per gli acquisti responsabili, EcoVadis ci ha supportato in un’azione di sensibilizzazione del comitato di gestione degli acquisti del Gruppo e a definire le nostre categorie di acquisto più critiche. Dopo il primo anno di collaborazione, nel 2009, abbiamo lanciato la nostra prima campagna di valutazione dei fornitori con un pannello che corrisponde alle nostre categorie di acquisto e alle aree geografiche.

Dopodichè, abbiamo individuando le categorie di acquisti più esposte al rischio attraverso una mappatura dei rischi di CSR negli acquisti, seguita da una mappatura dei rischi di corruzione (per soddisfare i requisiti della Legge Sapin 2). Infine, ci siamo concentrati sulla trasformazione dei risultati in strumenti che possono essere facilmente utilizzati dagli acquirenti per la valutazione nel loro processo di selezione dei fornitori.

 

Il punteggio del portafoglio Bel è in costante aumento ed è ora al di sopra del punteggio medio di EcoVadis. Qual è il ruolo del coinvolgimento degli acquirenti in questo successo? 

I team di acquisto sono al centro dell'implementazione ed è una scelta che sta dando i suoi frutti! La nostra Direzione Generale desiderava che la CSR fosse integrata quotidianamente in tutte le linee di business. Pertanto, anziché creare una struttura dedicata agli acquisti responsabili, ogni acquirente è responsabile della gestione del rischio CSR nel proprio portafoglio.

I significativi risultati di CSR dei nostri fornitori dimostra il loro costante impegno per un continuo miglioramento, grazie proprio alla mobilitazione dei team di acquisto che sono sempre al loro fianco.  

Le nostre azioni si concentrano su persone e strumenti:

  • Network: creare una rete di referenti convinti e motivati ​​per gli acquisti sostenibili all'interno dei team di acquisto per aiutarmi a promuovere un approccio responsabile.

  • Formazione: sviluppo e aggiornamento di un corso e-learning sull'Acquisto Responsabile. Dal 2014 forniamo e-learning dedicato alla CSR e agli acquisti responsabili a tutti gli acquirenti centrali e locali. Stiamo lavorando alla revisione del sistema di formazione in modo che tutti i nuovi arrivati ​​nell’organizzazione degli acquisti adottino buone pratiche e contribuiscano al progresso.

  • Utilizzo dei risultati della valutazione: sviluppo di regole di gestione basate sui risultati dei punteggi EcoVadis (frequenza della rivalutazione e criteri).

  • Supplier Relationship Management (SRM): in caso di punteggi alti, rafforzamento della collaborazione. In caso di punteggio medio, discussione di un piano di azioni correttive. Durante il processo di valutazione annuale dei fornitori, parte della valutazione è dedicata alla CSR, compresi i punteggi EcoVadis.

  •  Nell'ambito dei bandi di gara, gli acquirenti sono chiamati a invitare nuovi fornitori da valutare sulla piattaforma per integrare il loro punteggio nei criteri di selezione.

  • Definizione di un piano di gestione con una scelta di indicatori rilevanti e obiettivi quantificati, nonché un sistema di incentivazione nella remunerazione degli acquirenti

Al fine di garantire un approccio di acquisto responsabile sempre più allargato, la CSR deve essere integrata in ogni fase dei nostri processi di acquisto per favorire un circolo virtuoso

 

Rappresenta il ​​Gruppo Bel nell'iniziativa EcoVadis AIM-Progress, che comprende sette società di beni di consumo. Qual è il suo obiettivo?

Il Gruppo Bel è membro di AIM-Progress dal 2016. L'associazione riunisce le principali aziende del settore dei beni di consumo e mira a influenzare positivamente la vita delle persone attraverso l'effetto combinato di solide pratiche di acquisto responsabile applicate lungo le loro catene di fornitura. L'attività principale dell'organizzazione è il raggruppamento di audit in loco - da 4.000 nel 2010 a 21.000 audit nel 2018.

Cerchiamo di creare la stessa dinamica di condivisione delle valutazioni CSR documentate dei fornitori ("Il riconoscimento reciproco non riguarda solo gli audit") per ridurre la duplicazione delle richieste di valutazione e incoraggiare la trasparenza nelle catene del valore nel settore dei beni di consumo. Questa iniziativa ha due componenti:

  • Bel e gli altri sei membri AIM-PROGRESS che utilizzano la piattaforma EcoVadis condividono le valutazioni dei loro fornitori (previo accordo) sulla piattaforma;
  • I membri di AIM-Progress che non usano EcoVadis ricevono un elenco di fornitori valutati a intervalli regolari, dando loro l'opportunità di chiedere ai fornitori di condividere queste valutazioni.

“I vantaggi di queste iniziative settoriali sono, soprattutto, la leva della mutualizzazione e della cooperazione all'interno di una rete di membri del settore agroalimentare: condivisione di pratiche e sfide comuni.”
 
La mutualizzazione volontaria e controllata garantisce l'accesso a nuovi fornitori impegnati in queste aree. In termini di prestazioni, il tasso di condivisione delle valutazioni rimane la nostra sfida comune.
 

Infine, a proposito della sua esperienza con EcoVadis?

Il Gruppo Bel è stato il primo cliente di EcoVadis nel settore agroalimentare e utilizziamo la soluzione dal 2009.

Allora EcoVadis era una start-up e ci siamo subito convinti che la piattaforma fornisse agli acquirenti una soluzione semplice e affidabile per valutare le prestazioni CSR dei fornitori da parte di esperti del settore. La piattaforma EcoVadis sembrava anche essere la soluzione più appropriata per affrontare le nostre sfide perché andava oltre la gestione del rischio e la conformità.

Grazie a EcoVadis, abbiamo compiuto un importante passo avanti integrando con successo la responsabilità sociale negli scambi quotidiani con i fornitori e nei nostri processi di acquisto, utilizzando il punteggio EcoVadis nella nostra selezione e valutazione dei fornitori.

Utilizziamo EcoVadis anche per valutare regolarmente le prestazioni CSR del Gruppo Bel. I risultati della valutazione ci forniscono una chiara visibilità sui progressi del Gruppo utilizzando l'approccio CSR. Ci aiuta anche a identificare le nostre aree di miglioramento. Ci offre l'opportunità di discutere questioni chiave nel nostro settore di attività con gli esperti di EcoVadis. I nostri commenti vengono presi in considerazione per un ulteriore affinamento del questionario o per la raccolta di dati di supporto.

“La mia esperienza con EcoVadis in poche parole: attenzione al cliente, reattività e disponibilità; facilità d'uso della piattaforma; miglioramento continuo; tecnologia; e sforzi condivisi. "

Il Gruppo Bel è uno dei principali attori nel segmento degli snack sani con 32 siti produttivi distribuiti in quasi 130 paesi e un fatturato di 3,3 miliardi di euro nel 2018. 12.600 dipendenti in circa 30 filiali in tutto il mondo contribuiscono al successo del Gruppo. Il suo programma "For all. For Good" guida l'approccio responsabile all'innovazione del Gruppo. 

Il caso del Gruppo Bel è incluso nel white paper dedicato alle diverse metodologie di valutazione CSR dei fornitori:  "Perché il ricorso all'autovalutazione di terzi non è più sufficiente"

Un grande grazie a Pascale per aver accettato di farle una foto!

Intervista realizzata in occasione di Sustain 2019.

 

Informazioni sull'autore

IT EcoVadis IT

EcoVadis è l'azienda più affidabile al mondo di valutazioni di sostenibilità aziendale, intelligenza e strumenti collaborativi per il miglioramento delle prestazioni delle catene di fornitura globali. Supportate da una potente piattaforma tecnologica e da una squadra globale di esperti, le schede di sostenibilità di EcoVadis, di facile fruizione e attivazione, forniscono una visione dettagliata dei rischi ambientali, sociali ed etici di 200 categorie di acquisto e 160 paesi.

Segui su Twitter Segui su LinkedIn Visita il sito Web Altri contenuti di {{noun}}
Articolo precedente
Catena a monte e mappatura del rischio di migliaia di piccoli fornitori: premiata l'iniziativa RubberWay®!
Catena a monte e mappatura del rischio di migliaia di piccoli fornitori: premiata l'iniziativa RubberWay®!

I gruppi Michelin e Continental utilizzano audit documentali EcoVadis per i fornitori di primo livello e l'...

Articolo successivo
LPR - La Palette Rouge: come un'azienda di medie dimensioni sta gestendo la crisi da COVID-19
LPR - La Palette Rouge: come un'azienda di medie dimensioni sta gestendo la crisi da COVID-19

Durante la crisi globale da COVID-19, molte aziende hanno messo alla prova la resilienza della loro catena ...