Lo Stakeholder Capitalism aiuterà le aziende a superare il COVID-19

April 10, 2020 Sylvain Guyoton

Nel bel mezzo della pandemia di COVID-19, le Cassandra di tutto il mondo fanno subito notare che il virus e il suo impatto rappresentano una minaccia significativa ai recenti progressi verso lo Stakeholder Capitalism[MR1] . Sta crescendo la preoccupazione che questo shock economico faccia rinascere l'attenzione sulla visione di breve termine e rilanci la vecchia dottrina del primato degli azionisti. Ma ci sono ragioni per credere che questa sia una reazione eccessiva. Io credo che le aziende che hanno già intrapreso un percorso verso un business sostenibile e responsabile non rinunceranno così velocemente  ai loro impegni.

In effetti, la crisi ha il potere di aiutare queste aziende a perseverare durante l’instabilità e spingere ancora più aziende ad accelerare la loro transizione verso un modello basato sugli stakeholder. Perché? Perché in tempi difficili, le aziende responsabili si rendono conto che questo approccio è il modo migliore per garantire la resilienza - per se stessi e la propria rete di partner commerciali.

I momenti difficili non spingono le aziende responsabili ad abbandonare i valori

Centinaia di studi hanno dimostrato che le azioni sostenibili superano le prestazioni in un mercato in rialzo ma sono ancora più  resilienti in un mercato in ribasso. Il momento per rafforzare l'impegno per la sostenibilità della propria azienda non dipende dalle condizioni del mercato, ma dai valori.

Le società responsabili hanno adottato un nuovo paradigma di gestione che valuta le conseguenze esterne delle loro azioni. Considerano costantemente l'impatto che le attività di business potrebbero avere sui loro stakeholder e da lì definiscono le strategie. Questo tipo di società ha fatto della responsabilità la propria missione e questa missione non verrà meno nei momenti difficili.

Le aziende responsabili colgono  l'opportunità di essere migliori

Quando si tratta di favorire i risparmi sui costi, il rallentamento indotto dal coronavirus può avere un effetto positivo incentivando le aziende a ridurre il consumo di energia o di acqua. Può incoraggiare le aziende ad ampliare le loro pratiche di riciclo o stimolare team di prodotto e tecnici a sviluppare prodotti a basso impatto ambientale. Potrebbe aiutare ad aumentare l'uso della teleconferenza e delle piattaforme di lavoro virtuali in tutta l'economia globalizzata, che si tradurrà in meno viaggi d'affari, con un impatto positivo sui costi e sulle emissioni di carbonio. Ad esempio, la conferenza annuale Sustain 2020 di EcoVadis ha risparmiato circa 420 tonnellate di emissioni di CO2, moltiplicando le dimensioni del pubblico, diventando virtuale al 100% quando è iniziata la crisi COVID-19.

L'epidemia COVID-19 potrebbe spingere le aziende ad essere più convenienti, e questo è un aspetto positivo. Un sondaggio del febbraio 2020, condotto da QIMA su oltre 200 aziende con filiere globali, ha rilevato che oltre la metà degli intervistati si aspettava che l'epidemia di coronavirus aumentasse i loro costi operativi. La buona notizia per la sostenibilità: si possono risparmiare soldi riducendo l'impronta ambientale di un'azienda.

Questa crisi non spezzerà le organizzazioni che hanno già effettuato la transizione per essere efficienti sotto il profilo energetico e delle risorse, nonché quelle che hanno incoraggiato i partner della catena di fornitura a fare altrettanto.

Le aziende responsabili sanno che la transizione deve andare avanti

Nonostante l'impatto devastante che il coronavirus sta avendo sul mondo e su così tante vite, i dirigenti aziendali sanno che i problemi che erano prevalenti prima dell'epidemia sono ancora qui.

Ad esempio, i cambiamenti climatici non scompariranno con il coronavirus e le aziende devono lavorare per rendere le loro catene di approvvigionamento più resistenti agli effetti del  riscaldamento globale e agli eventi meteorologici avversi. Sfortunatamente, le questioni relative ai diritti sociali e umani sono ancora prevalenti: il lavoro forzato, la schiavitù moderna, la discriminazione si diffondono attraverso le catene di approvvigionamento globali a un ritmo allarmante. 

Le aziende che hanno già affrontato questi problemi adottando politiche adeguate, saranno meglio preparate per affrontare una pandemia. Non lo saranno, invece, le aziende che non hanno dovuto affrontare enormi sfide in termini di risorse umane durante l'epidemia. Tuttavia, non è troppo tardi per adottare la filosofia di gestione basata sugli stakeholder - in effetti, dipendenti e fornitori possono essere più riconoscenti e leali che mai.

Prevarranno le aziende responsabili

Le aziende in grado di  navigare nelle acque agitate causate dal coronavirus hanno già adottato una visione basata sugli stakeholder e su pratiche sostenibili. Per fortuna, ciò incoraggerà un numero maggiore di aziende meno mature sulle pratiche di sostenibilità ad accelerare la loro transizione. Convincerà più aziende a cambiare in meglio il proprio approccio gestionale.

Le società possono sfruttare questa situazione come spinta per il cambiamento. Possono attuare politiche di lavoro a domicilio per garantire la sicurezza dei loro lavoratori o possono iniziare a tagliare i costi riducendo la loro impronta. Questi cambiamenti non solo avvantaggiano il business, ma la società nel suo insieme. Di fronte a una pandemia, non allontaniamoci dal nostro impegno per un mondo migliore: è più importante che mai.

 

About the Author

Sylvain Guyoton

Sylvain Guyoton is Senior Vice-President of Research at EcoVadis since its founding in 2007. He brings almost 20 years of experience in Sustainability and CSR. At EcoVadis, he oversees rating operations and methodology development, and sits on the Executive Committee. Sylvain holds an M.S. in Industrial Management from Cranfield University and an MBA from INSEAD.

Follow on Linkedin More Content by Sylvain Guyoton

No Previous Articles

Next Article
Sustain 2020: abbiamo osato tutti insieme contro ogni probabilità
Sustain 2020: abbiamo osato tutti insieme contro ogni probabilità